Home Turismo-Itinerari Improvvisamen...

Improvvisamente… il rafting! A un passo da Roma, l’Avventura

A Terni la fantastica discesa delle rapide della Cascata delle Marmore si rivela luogo ideale per il rafting. Qui ti accoglie il Centro Rafting Marmore di Papigno, che  propone attività fluviali – Rafting, Hydrospeed, Torrentismo, River Walking – a contatto con la natura e l’avventura, in sicurezza, con divertimento ed ecosostenibilità

Hai mai provato a cavalcare un fiume a bordo di un gommone, magari là, alle pendici di una cascata, dove il suo corso diventa più irrequieto? Lo segui, lo assecondi, lo contrasti, lo domini… ma più di tutto, lo Vivi! Questa incredibile avventura è possibile a Terni, a un’ora da Roma. La località esatta è Papigno, a un passo dalla Cascata delle Marmore, la più alta d’Europa, dove ti accoglie il «Centro Rafting Marmore».

Qui un pugno di uomini espertissimi della F.I.Raft (Federazione Italiana Rafting) da venti anni mettono a disposizione la loro competenza nel nome del divertimento e della sicurezza, affinché questa giornata si trasformi in un’esperienza indimenticabile ed unica, emozionante ed adrenalinica. E l’obiettivo lo centrano in pieno! 

Lezione teorico-pratica prima della discesa

La preparazione per la discesa del fiume Nera a bordo di un gommone, dalle particolari caratteristiche di robustezza e sicurezza, avviene con una sorta di simulazione a terra, dove si impara ad utilizzare la pagaia (ossia a pagaiare), per indirizzare il gommone (movimenti corretti e coordinazione tra gli uomini dell’equipaggio sono condizioni essenziali per un viaggio «tranquillo»), a spostarsi in caso di necessità verso il lato opposto del mezzo, a soccorrere un compagno eventualmente caduto in acqua. Non si richiedono esperienze precedenti, basta saper nuotare bene, essere in buone condizioni di salute, età tra 18 e 55 anni e peso inferiore a 100 kg.

Finita la lezione teorico-pratica di un’ora i partecipanti – indossati muta in neoprene, l’aiuto al galleggiamento «salvagente», le scarpe in neoprene, il casco e la «giacca d’acqua» forniti dall’organizzazione – vengono accompagnati con un pulmino proprio sotto la Cascata delle Marmore. Il paesaggio è di quelli mozzafiato. A un passo dal salto più alto ti accoglie una nuvola di goccioline e la voce assordante del fiume che preannuncia tutta l’emozione del percorso. Qui il fiume Nera scorre infatti veloce, ribollendo sulle rocce per oltre tre chilometri, formando rapide di quarto grado (da 1 a 6 le difficoltà del rafting), contornato da una vegetazione rigogliosa, in un ambiente che sembra tropicale.

Gli equipaggi scendono verso il fiume percorrendo uno stretto sentiero e sui margini in fila indiana tre gommoni aspettano i partecipanti (sei per ogni mezzo). Avanti ad ogni gommone un istruttore a bordo di un hydrospeed fa da apripista al convoglio, pronto ad intervenire in caso di emergenza. Da questo suggestivo luogo inizia l’avventura.

Il viaggio…

Il Nera qui è particolarmente agitato. Ha da poco effettuato il salto più alto (83 metri) e la sua andatura risente ancora del notevole dislivello. Per questo, il primo impatto con il fiume non è di quelli tranquillissimi. Gli equipaggi devono da subito dare prova che il corso di preparazione non è trascorso invano… e la voce dell’istruttore, seduto a «poppa» del mezzo, impartisce ordini: «avanti», «dietro», «sinistra», «destra», «stop»! Ad ogni comando i partecipanti rispondono con inaspettata maestria. E così si prosegue, per tratti impegnativi a causa della forte corrente, attraverso angusti passaggi tra rocce spigolose, saltellando sul gommone, se una roccia piuttosto grande affiora quasi dall’acqua e rende difficile il passaggio.

La cornice del viaggio è di quelle che non si dimenticano. Una ricca vegetazione con fitti alberi spesso a formare una sorta di galleria, accompagna per tutto il tragitto il fiume, e vivi nell’incantevole sensazione di avere la natura addosso.

Poi incontri le rapide… A volte più accessibili a volte più ripide. Ma ad ogni tratto impegnativo, una volta superato, si festeggia come ad una vittoria. Non sempre però l’assennatezza dell’equipaggio ha la meglio sul fiume. Il nostro gommone, infatti, nell’effettuare l’ultimo salto delle rapide, spinto dalla corrente e rimbalzando contro la roccia, si è letteralmente infilato dritto con la «prua» nell’acqua, alta in quel punto circa 6 metri, facendo cadere nel fiume cinque dei sei componenti dell’equipaggio, istruttore compreso, che è subito intervenuto per recuperare i «dispersi».

Qui l’adrenalina ha raggiunto livelli altissimi. L’equipaggiamento e le procedure di sicurezza, messe immediatamente in atto dall’organizzazione, hanno reso questo episodio solo un momento di grande emozione. E un ricordo unico per Andrea, il partecipante più giovane, che da solo è rimasto a governare il gommone e ad aiutare il compagno più vicino a ritornare sul mezzo.

Dopo circa un’ora di immersione… nella natura, i gommoni «attraccano» all’altezza del «Centro Rafting Marmore», salutando il fiume che vivace continua il suo corso. Ultima fatica: gli equipaggi sono invitati a riportare nel Centro il gommone, in spalla… quasi un trofeo.

Da questo momento in poi il luogo si anima delle voci dei partecipanti che, nello spogliarsi e nel riporre l’attrezzatura, raccontano ognuno la propria avventura, ancora con l’emozione di chi ha compiuto un viaggio incredibile. La giornata si chiude con la foto di rito e l’abbraccio con il proprio istruttore «timoniere». Compagno di avventura, che non sarà dimenticato.

[ Roberta Di Giuli ]

[ Il Centro Rafting Marmore: mille modi di vivere il fiume ]

 

Il Centro Rafting Marmore non è solo rafting! Altra attività di punta è l’Hydrospeed. Con questo mezzo per i più temerari è assicurata un’esperienza più estrema: ci si immerge nelle acque del fiume ancorati ad un «bob», l’elemento base dell’Hydrospeed. Nella discesa si è completamente immersi in acqua a stretto contatto con la natura circostante. Per chi ha poi voglia di cimentarsi, il Centro Rafting Marmore organizza anche corsi di Kayak tra le rapide del fiume Nera. Al contrario del Rafting e dell’Hydrospeed, che non hanno bisogno di esperienza pregressa, per la canoa c’è la necessità di fare prima alcune lezioni per far sì che siate preparati al meglio la prima volta che andate in fiume.

Un’altra attività fiore all’occhiello del Centro è quella del Torrentismo anche detto Canyoning, ovvero la discesa delle montagne attraverso gole e canyon. Il personale abilitato vi accompagnerà in tutto il percorso in discese, scalate e tuffi tra le montagne.

Per chi vuole godere del paesaggio della natura il Centro Rafting Marmore offre la possibilità di praticare il «River Walking» ovvero una camminata sul letto del fiume a stretto contatto con la natura. La Cascata delle Marmore infatti è artificiale e ci sono delle ore della giornata in cui la diga viene chiusa, l’acqua del fiume diminuisce in modo considerevole e permette appunto il passaggio sul letto del fiume. Esperienza bellissima per chi vuole trascorrere una giornata di relax lontano dal caos cittadino.

Non solo per grandi, il Centro infatti è adatto anche alle famiglie e ai bambini che già da piccoli potranno avvicinarsi agli sport estremi praticando il «Soft Rafting» che si svolge in un tratto più tranquillo del fiume. Le guide che seguono sia grandi che bambini sono tutte certificate ed operano sul campo da moltissimi anni.

Il Centro Rafting Marmore offre anche la possibilità di organizzare addii al nubilato/celibato per spose e sposi coraggiosi. Si potranno organizzare discese di gruppo per trascorrere una giornata fuori dai soliti schemi tradizionali e regalare ai futuri coniugi un’esperienza elettrizzante prima di pronunciare il fatidico «sì».

Il Centro con le sue attività favorisce anche la creazione del «team building», si va infatti a lavorare sul gruppo, i partecipanti vivranno in prima persona le esperienze e saranno sollecitati allo scambio e all’interazione in questo caso a scopo ludico. Attraverso le attività si potrà entrare in contatto con la natura, affrontare sfide e difficoltà che verranno superate proprio grazie all’unione e alla forza del gruppo.

Partner ufficiali nel 2018 del Centro Rafting sono la GoPro con le sue attrezzature di ultima generazione con qualità 4K per catturare l’attenzione, Decathlon, Radio Dimensione Suono Roma e VoglioLuxury.

Una grande novità di questo anno è il nuovo sito internet www.raftingmarmore.com  un portale che permette di assaporare l’esperienza a 360°.

Non ci sarà inoltre bisogno di preoccuparsi del tempo, il Rafting e tutte le altre attività possono essere svolte sia con il sole che con il brutto tempo. Anzi con la pioggia ci sarà da divertirsi ancora di più, immersi nell’acqua del fiume e con l’acqua che ci bagna anche dal cielo.