Home Politiche Politiche Comunitarie La Germania a...

La Germania al cospetto della Corte di giustizia europea

Centrale elettrica

La centrale a carbone di Moorburg sarebbe in difetto per la mancata applicazione della direttiva sugli habitat. Sotto accusa anche la sicurezza dei porti

•• La Commissione europea ha deciso di deferire la Germania alla Corte di giustizia a seguito della mancata applicazione da parte di tale paese delle disposizioni della direttiva sugli habitat in relazione all’autorizzazione di una centrale a carbone ad Amburgo/Moorburg. Il progetto in questione rischia di avere un impatto negativo su diverse specie ittiche protette, tra cui salmone, lampreda di fiume europeo e lampreda di mare, che passano accanto alla centrale nella loro migrazione dal Mare del Nord verso una trentina di siti Natura 2000 sull’Elba, a monte di Amburgo. Le specie sono messe in pericolo dal processo di estrazione dell’acqua utilizzata per raffreddare la centrale. In sede di autorizzazione della centrale, la Germania non ha proceduto a un’appropriata valutazione come richiesto dalla direttiva, né ha valutato processi di raffreddamento alternativi suscettibili di evitare la morte delle specie ittiche protette in questione.

Carente la sicurezza nei porti

La Germania è anche invitata dalla Commissione ad applicare correttamente nel Land Renania settentrionale-Vestfalia le norme dell’UE relative al miglioramento della sicurezza dei porti (direttiva 2005/65/CE). Il parere motivato del 26 marzo fa seguito a un’ispezione della Commissione dalla quale è emersa un’applicazione inadeguata di alcune delle prescrizioni, in particolare riguardo alle valutazioni di sicurezza dei porti. Tali norme costituiscono uno dei capisaldi della politica della sicurezza marittima, diretta a garantire un elevato livello di sicurezza in tutti i porti europei. La Germania ha ora due mesi di tempo per notificare alla Commissione le misure adottate per applicare pienamente le norme. In caso contrario la Commissione potrebbe decidere di adire la Corte di giustizia dell’Unione Europea.

Luca Strinati
[01 Apr 2015]