Home News IL FUTURO DEL...

IL FUTURO DELLA MOBILITA’ AD IDROGENO A VENEZIA CON TOYOTA MIRAI

Venezia nel consorzio «fuel cell hydrogen joint udertaking» per lo sviluppo delle stazioni di rifornimento di idrogeno anche in Italia

In occasione della settimana europea della mobilità, la scorsa settimana si è compiuto a Venezia un passo fondamentale per lo sviluppo di una rete di stazioni di rifornimento di idrogeno anche in Italia, definita all’intero del protocollo di intesa tra la città di Venezia e la Toyota Motor Italia sottoscritto lo scorso anno: la firma del protocollo con il Fuel Cell Hydrogen Joint Undertaking, Consorzio europeo pubblico-privato che promuove progetti per lo sviluppo delle stazioni di rifornimento in Europa.

Andrea Carlucci, AD di Toyota Italia ha sottolineato che “l’unione e la comunanza di intenti tra Toyota e la città di Venezia, risale al Protocollo d’Intesa siglato lo scorso anno che ha l’obiettivo di favorire la realizzazione di un sistema di mobilità urbana sostenibile per il comune, basato sull’impiego della tecnologia ibrida e a idrogeno, delle quali Toyota Motor Italia è leader mondiale. Toyota si è posta obiettivi ambientali lungimiranti, che prevedono lo sviluppo di veicoli a zero emissioni per ridurre, entro il 2050, le emissioni del parco auto del 90% rispetto al 2010. Crediamo nella realizzazione di un percorso di sviluppo tecnologico, che in Toyota definiamo «Road Map della mobilità» che possa offrire l’auto giusta, al momento giusto e al miglior prezzo nei vari mercati mondiali. Ad oggi crediamo che il primo passo verso un futuro della mobilità sostenibile passi per la tecnologia ibrida; ed i dati parlano chiaro. Abbiamo superato gli 11 milioni di auto ibride vendute in più di 90 paesi al mondo, sono oggi più di 160.000 le ibride Toyota e Lexus circolanti in Italia. L’era dell’elettrificazione è decisamente avviata e i prossimi anni saranno ricchi di novità. In questo contesto siamo convinti che anche l’idrogeno acquisirà una rilevanza sempre maggiore se pensiamo che già oggi una Toyota Mirai può garantire vantaggi indiscutibili rispetto ad un’automobile elettrica: oltre 500 km di autonomia ad emissioni zero – solo acqua allo scarico – tempi di rifornimento convenzionali, solo 3 minuti per un pieno di idrogeno. Crediamo che l’idrogeno rappresenti una soluzione con elevate prospettive per i prossimi anni, quando sarà centrale il tema del fabbisogno energetico per alimentare un parco circolante di auto elettriche sempre crescente. L’idrogeno è l’elemento più presente in natura e il suo utilizzo è già diffuso in diversi settori industriali. Può essere facilmente prodotto anche da fonti rinnovabili, può essere stoccato e trasportato senza particolari problemi. Ci auspichiamo di vedere presto circolare a Venezia, così come nel resto d’Italia, le prime vetture a idrogeno e non solo, dal momento che le fuel cell possono essere installate senza problemi anche su treni, imbarcazioni ed altri mezzi di trasporto”.