Home Aziende Scania, leade...

Scania, leader nel settore dei veicoli industriali, star a Ecomondo

Tavola rotonda su sostenibilità, innovazione  e cambiamento, e l’anteprima mondiale del nuovo propulsore a gas metano liquido (LNG). Due eventi che marcano la strada green intrapresa dal costruttore svedese

Con un incrementato del 40% rispetto l’anno precedente, il marchio Scania, leader nel settore dei veicoli industriali, ha prodotto nel 2016 cinquemila mezzi a basso impatto ambientale, confermando la propria volontà di guidare il cambiamento verso un sistema di trasporto più sostenibile.

Nello spazio espositivo allestito a Ecomondo di Rimini, la Casa di Södertälje ha voluto rimarcare questo suo intento organizzando una Tavola Rotonda con i responsabili della logistica di alcuni importanti aziende e gruppi industriali, evento che ha anticipato la presentazione in anteprima mondiale del nuovo motore a gas metano liquido (LNG) OC13 101, un 6 cilindri da 13 litri e 410 cavalli abbinato all’innovativo cambio automatico Scania Opticruise e rivolto ai veicoli industriali della Serie «G» e «R», ideali per il trasporto a lungo raggio. Più sostenibile, più silenzioso e più confortevole di un Diesel Euro6.

Obiettivo sostenibilità

I temi del dibattito al quale ha assistito un folto pubblico erano legati alla sostenibilità ambientale dei trasporti, in particolare in relazione al crescente interesse degli operatori, in particolare italiani e francesi, per questo nuovo tipo di alimentazione a gas liquido (LNG).

Innovazione che però deve confrontarsi con un sistema di distribuzione ancora poco esteso, ma anche con le diverse normative di legge ed incentivi, pur riconoscendo una sensibile riduzione dei costi al chilometro. Argomenti di grande interesse che sono contemporaneamente una sfida e un’opportunità, ovvero i demonizzati autotreni spesso accusati di essere tra le prime cause di inquinamento, potrebbero riscattarsi sia verso l’opinione pubblica che verso l’ambiente con valori di emissioni sensibilmente ridotte.

L’incontro è stato aperto dal Presidente e A.D. di Italscania, Franco Fenoglio con la frase “Non esiste progresso realmente sostenibile che non sia supportato dall’efficienza”, un concetto che ribadisce come ecologia ed economicità debbano andare di pari passo e il nuovo propulsore Scania OC13 a LNG ne è la conferma.

In questo «reveal mondiale» Roberto Sposini, Responsabile divisione mobilità di LifeGate, quest’ultima nel ruolo di sustainability advisor, ha moderato l’interessante dibattito che ha visto come protagonisti Riccardo Stabellini (Group Supply Chain – Logistics Director Italy Barilla),  Alberto Nobis (Presidente e Amministratore Delegato DHL Express Italy),  Bruno Roccuzzo (Head of Supply Chain Industriale Italia Ferrero), Stefano Brown (Sustainability Manager IKEA Italia Retail), Maura Sartore (Supply Chain Director Sanpellegrino) e Karim Bruneo (Corporate Responsibility and Government Relations Manager, Whirlpool EMEA).

Ulteriori contributi da parte di Claudio Lubatti, Delegato Anci per Osservatorio Trasporto Pubblico Locale e del profPier Luigi del Viscovo, Editorialista de «Il Sole 24 Ore».

Alberto Nobis, A.D. di DHL Express Italia ha ribadito che investire sui veicoli alimentati con carburanti alternativi è un obiettivo tutt’altro che irrealizzabile, anzi potrebbe essere determinante per il futuro delle spedizioni. In questa direzione, nel 2016 con la flotta dei nuovi veicoli del colosso della logistica, è stata ridotta del 30% l’emissione di biossido di carbonio.

Anche Karim Bruneo, Corporate Responsibility and Government Relations Manager del maggiore produttore mondiale di elettrodomestici Whirlpool EMEA (Europe, Middle East&Africa) ha ricordato che l’azienda si era prefissata di ridurre del 15% il consumo delle risorse dei propri elettrodomestici entro il 2020, obiettivo ampliamente raggiunto a livello globale già nel biennio 2014-2016 riducendo il consumo di energia del -21% e di acqua del -33%. Con questi dati ha voluto dire che la sostenibilità ambientale è un valore che va conquistato insieme alla razionalizzazione della logistica.

Stefano Brown, sustainability manager di Ikea Italia ha sorpreso la platea con la frase: “La sostenibilità non può e non deve essere più cara rispetto alle pratiche meno rispettose della natura”. Un modo chiaro e meno utopistico per dire che la sostenibilità ambientale deve anche essere economicamente sostenibile, un gioco di parole per dire che per il momento e in alcuni casi si rischia che la spesa sia maggiore del risparmio.

Pensiero condiviso anche dalla supply chain director di Sanpellegrino, Maura Sartore la quale con orgoglio ha voluto ricordare la collaborazione a lungo termine instaurata con l’azienda di logistica valtellinese Maganetti trasporti con la quale stanno portando avanti il progetto LNG con l’obiettivo di sostituire tutti i loro mezzi a gasolio con altri alimentati a metano liquido. Finora con un investimento di 4 milioni di euro sono stati acquistati 12 veicoli che tutti insieme nei prossimi 5 anni inquineranno meno di un singolo a gasolio Euro6. Il progetto di ampliamento della flotta sta continuando con l’acquisto di altri 11 veicoli alimentati a LNG. In questa occasione in casa Scania a Ecomondo, non ha però detto che i mezzi acquistati sono degli Iveco Stralis AS440S40 NP.

[ Paolo Pauletta ]