Home Mobilità & Trasporti Mobilità Sostenibile smart, in att...

smart, in attesa della completa conversione della gamma all’elettrico, con Enel X nuove opportunità

Grazie all’app «ready to charge» si potrà trovare posto in un’autorimessa dotata di colonnina di ricarica utilizzabile anche da vetture di altri marchi

Il cammino verso la diffusione dell’auto elettrica prosegue anche in Italia ma non senza grandi difficoltà; il quadro ci mostra il solito cane che si morde la solita coda: la prima limitazione alla diffusione di questa tipologia di auto è l’alto costo di listino della stessa, costo che potrebbe diminuire significativamente in presenza:

  • di una sempre maggiore autonomia dell’auto elettrica;
  • di una rete di ricarica capillarmente diffusa sul territorio.

Se sul versante autonomia si inizia a vedere qualche risultato concreto, sul fronte «rete di ricarica» i risultati sono – in Italia come in altri paesi (ma di più qui da noi) – di là da venire.

È su questa cronica insufficienza strutturale che si innesta l’iniziativa a tre promossa da Mercedes/smart, Enel X e una serie di soggetti privati che gestiscono aree di parcheggio dotate di colonnine di ricarica.

 

Per aderire ai servizi «ready to» (sia «to park» e sia al nuovo «to charge»), i clienti smart dovranno semplicemente scaricare l’App sul proprio smartphone, inserire la targa della propria smart ed indicare gli estremi della carta utilizzata per il pagamento.

Il nuovo «Ready to Charge» funziona in tre mosse

  • Attraverso lo smartphone l’automobilista comunica a «ready to charge» il numero di targa della propria smart, assieme agli estremi del proprio documento di pagamento.
  • Dopo aver individuato sulla mappa dei parcheggi convenzionati quello per lui più comodo, il proprietario della Smart elettrica vi troverà tanto il posto auto quanto la colonnina di ricarica.
  • Una volta all’ingresso, il sistema – grazie al collegamento Bluetooth – solleverà automaticamente la sbarra. Parcheggiata la smart e collegata al punto di ricarica, l’automobilista in pratica sfrutterà il tempo di parcheggio per caricare le batterie. Trattandosi di un sistema fino a 22 kW, il tempo di una robusta ricarica è di meno di un’ora.

L’App smart «ready to park», che da luglio 2018 includerà la funzione «charge», è già disponibile su Google Play® e App Store® e su www.smart-ready-to.it.

A che punto siamo

Al momento l’attuazione del programma di ricarica è concentrata solo su Roma, dove attualmente sono 96 i parcheggi convenzionati che a breve avranno da due a otto punti di ricarica con potenza fino a 22 kW per ricaricare smart, e non solo, in meno di un’ora. Enel X comunque sta già lavorando alle colonnine high power charging da 350 kW in grado di ricaricare completamente in 15-30 minuti i veicoli elettrici attuali e di prossima generazione.

Nei prossimi mesi il servizio sarà esteso anche a Firenze, Genova e Milano mentre le autorimesse aderenti al programma Ready to park sono già reperibili su Google Player e Apple Store e su www.smart-ready-to.it.

Sin dallo scorso marzo il Presidente di Mercedes Italia Marcel Guerry sottolineò la necessità di creare un’adeguata rete infrastrutturale: “…Il fatto è che chi acquista una delle nostre city-car ha il problema di tutti, e cioè la necessità di avere un box attrezzato con la wall box, dove ricoverare l’auto e ricaricarla di notte” e, per quanto attiene al ruolo del governo e delle amministrazioni locali si raccomandò affinché non creassero “ostacoli all’installazione di colonnine di ricarica nelle strade e nei parcheggi. Siamo all’inizio di una nuova era, che è guardata con favore dai clienti, costretti a cambiare mentalità, abitudini. Noi gli mettiamo a disposizione le app per cercare, su telefoni e tablet, i punti di ricarica, e nello stesso tempo lavoriamo in partnership con l’Enel per superare gli ostacoli con cui deve confrontarsi chi compra un’auto

elettrica per attrezzare il box di casa. Normative, burocrazia, eccetera”.

Il ruolo di Enel X

Il nuovo servizio è frutto della sinergia di smart con Enel X, la divisione di Enel dedicata a prodotti innovativi e soluzioni digitali per clienti, città, aziende e mobilità elettrica il cui Direttore Mondo, Francesco Venturini, ha dichiarato che “La lunga collaborazione con Mercedes-Benz si arricchisce di un altro tassello che facilita ulteriormente la vita di chi guida la smart elettrica. Allo stesso tempo prosegue il nostro impegno, a fianco delle più importanti case automobilistiche, per la realizzazione di una infrastruttura di ricarica capillare che elimini la paura di restare a secco di energia. Infatti, grazie a questo accordo chi parcheggia presso le autorimesse private «ready to park» in alcune delle più importanti città italiane potrà sfruttare il tempo della sosta per la ricarica della propria smart. Un servizio che arricchisce le potenzialità e le modalità di utilizzo delle vetture elettriche”.

Per parte Mercedes-Benz Italia, il Presidente Marcel Guerry, ha dichiarato che “Oltre a prodotti maturi per il mercato, come la nostra smart, la mobilità elettrica ha bisogno di servizi e infrastrutture che ne facilitino l’utilizzo: crediamo che sia necessario fare sistema con tutti gli attori coinvolti. Da qui nasce la nostra partnership con Enel X, un rapporto iniziato nel 2008 con e-mobility Italy e la prima generazione di smart electric drive, che prosegue oggi con «ready to charge». 

[ Giovanni Notaro ]