Home Mobilità & Trasporti IVECO e la vi...

IVECO e la visione sul futuro del trasporto sostenibile

Al Congresso mondiale 2018 dell’IRU (International Road Transport Union), l’azienda italiana si è confrontata con i leader del mondo degli affari, con gli esponenti di governo e con gli opinionisti presenti alla manifestazione

IVECO ha partecipato al Congresso mondiale 2018 dell’IRU (International Road Transport Union), che si è tenuto a Muscat, Oman, il 7 e 8 novembre u.s. che ha fatto registrare la presenza dei più importanti costruttori, associazioni dei trasporti, organizzazioni internazionali e Ministeri di tutto il mondo.

Gli organizzatori hanno proposto l’evento come una piattaforma – quasi un think-thank – che consente ai decisori globali di scambiarsi idee, discutere soluzioni e definire il futuro dell’industria dei trasporti su strada, sulla mobilità e sulla logistica.

Nel partecipare all’evento, l’IVECO, nella persona di Pierre Lahutte, IVECO Brand President, ha illustrato la visione del brand sul futuro del trasporto su strada, sottolineando le grandi sfide e le conseguenti opportunità legate all’industria dei trasporti nel cui ambito è in atto una vera e propria rivoluzione, di cui sono parte importante le tecnologie di propulsione alternativa.

Pierre Lahutte è intervenuto nella prima sessione plenaria in programma, dedicata a trasporto su strada, mobilità e commercio nel 21° secolo con l’obiettivo di rispondere alla domanda: “Che cosa si intende con «nuovo mondo» in costante evoluzione per il trasporto su strada?”.

Gli altri relatori sono stati personaggi leader in ambito commerciale e governativo, tra cui José Manuel Durão Barroso, Presidente di Goldman Sachs International ed ex Presidente della Commissione Europea; Christian Labrot, Presidente di IRU; dr. Ahmed Muhammed Al Futaisi, Ministro dei Trasporti e delle Comunicazioni dell’Oman; e Steffen Bilger, Segretario di Stato, Ministro tedesco dei Trasporti e delle Infrastrutture Digitali.

Pierre Lahutte, nel presentare la visione di IVECO del futuro dei trasporti e spiegare l’impegno per ridurre l’impatto ambientale del settore, ha sottolineando l’esigenza di trovare una soluzione alternativa al diesel in considerazione della crescente pressione contro questo carburante (non del tutto giustificata alla luce dei risultati attuali n.d.r.) e dei divieti o limitazioni alla circolazione introdotti da un numero sempre crescente di città.

Ha inoltre focalizzato l’attenzione sull’importanza di un’attenta valutazione nell’individuare la risposta migliore per il settore dei trasporti: “Non si tratta di trovare un’unica soluzione per tutti: dobbiamo pensare ad un mix tecnologico che sia in grado di tenere conto delle specificità di ciascuna missione”.

La presenza di IVECO a Ecomondo

In più, è stato avviato un dialogo con i Ministri dei Trasporti e i rappresentanti istituzionali di alto livello dei diversi Paesi presenti al Convegno ospitato dall’Oman, sottolineando come l’IVECO riconosca il gas naturale come fonte primaria di energia, in particolare per il trasporto di merci e su lunghe distanze, con la propulsione elettrica protagonista soprattutto nelle missioni stop-and-go alle basse velocità, a bassa intensità energetica e nel trasporto passeggeri nei centri città.

Il gas naturale offre il vantaggio aggiunto di una transizione senza soluzione di continuità al biometano, una fonte di energia rinnovabile in grado di garantire zero emissioni o, con un approccio da economia circolare, perfino un’impronta di carbonio negativa grazie al suo sequestro.

La scelta del gas naturale come soluzione matura per un trasporto sostenibile è peraltro condivisa dalle Istituzioni e dai Governi dell’UE, che ne stanno supportando lo sviluppo attraverso l’adozione di diversi provvedimenti, tra i quali

  • in Germania incentivi per i veicoli pesanti a ridotte emissioni di CO2 ed efficienti in termini energetici, e l’esenzione dai pedaggi autostradali per i mezzi alimentati a LNG (gas naturale liquefatto);
  • in Polonia ha eliminato l’accisa sul gas LNG tassando per contro il diesel per poter finanziare lo sviluppo dell’infrastruttura del gas naturale liquefatto;
  • in Francia ed in Italia emanazione di decreti per promuovere l’uso del biometano prodotto da letame bovino e da scarti agricoli per alimentare i veicoli adibiti al trasporto.

La concezione del trasporto sostenibile di IVECO si è oggi tradotta in una gamma completa e all’avanguardia di veicoli a propulsione alternativa, che spazia da soluzioni elettriche per il trasporto pubblico nei centri città a veicoli commerciali leggeri per il trasporto urbano di merci e passeggeri, ai bus e ai mezzi a CNG per il trasporto interurbano, fino ai truck a LNG per le missioni a lungo raggio.

Quest’anno, inoltre, IVECO ha allestito all’IAA 2018 il primo stand 100% diesel free nella storia della fiera, un palcoscenico finora inedito per mostrare l’intera gamma di veicoli a trazione alternativa.

[ Redazione PROTECTAweb ]