Home Edilizia BAU 2019: a M...

BAU 2019: a Monaco di Baviera il più grande e importante Salone d’Europa dedicato all’edilizia

Oltre 2.200 espositori provenienti da 45 Paesi e tra questi anche circa 150 dall’Italia, presenteranno, dal 14 al 19 gennaio, le ultime novità nel settore dell’edilizia, sia per le nuove costruzioni che per le ristrutturazioni, con particolare attenzione ai materiali e soluzioni ecosostenibili

Con 200.000 metri quadrati di area espositiva distribuiti su 19 padiglioni, l’edizione 2019 del BAU sarà la più grande di sempre, una crescita costante fin dal suo esordio nel lontano 1964. Come tradizione, per semplificare la visita, i padiglioni saranno suddivisi per tipologia di materiali e prodotti in modo da indirizzare più facilmente nel settore di loro interesse gli oltre 250.000 visitatori previsti. Questo evento unico al mondo che si ripropone ogni 2 anni, è anche un momento di confronto e di incontro tra progettisti, architetti, produttori e clienti, che hanno la possibilità di trovare la soluzione migliore per realizzare il loro progetto.

Allo scopo è in calendario anche un ricco programma di eventi collaterali ai quali presenzieranno esperti da tutto il mondo.

L’esigenza di proporre prodotti sempre più rispettosi dell’ambiente, impone ai produttori di trovare nuovi materiali e soluzioni ecosostenibili che consentano di ridurre il consumo di energia e laddove possibile anche di generarla. Per questa ragione grande spazio al BAU è dedicato alle soluzioni per l’isolamento termico delle abitazioni e a quelle per la produzione di energia, dove le tecnologie di ultima generazione hanno un ruolo determinante.

Per continuare a migliorare il vasto mondo dell’edilizia, sono 4 i temi chiave del BAU 2019 che verranno affrontati nei vari Forum:

■ DIGITALE: dove il BIM (Building Information Modeling) consente a più studi professionali di interagire contemporaneamente per interagire sullo stesso progetto.

■ CONNESSO: la connettività consente di ottimizzare il rapporto casa lavoro e ciò che prima si poteva fare solo in ufficio, ora si può fare anche da casa o da un caffè, con evidenti vantaggi esistenziali per i soggetti interessati.

■ INTEGRATO: l’edilizia diventa sempre più complessa e spesso in poco spazio è necessario inserire impianti di ventilazione e di energia. Ciò rende necessaria una progettazione dettagliata e integrata in modo da evitare errori di progettazione irreversibili.

■ SMART: Gli edifici sono sempre più digitali e nello «Smart Building», tutti i dispositivi sono connessi alla «Smart Grid», una rete comune che consente loro di comunicare in modo diretto o indiretto. I vantaggi sono numerosi, a partire da una gestione ottimizzata dei flussi energetici generati dalle celle solari.

[ Paolo Pauletta ]