Home Energia Rinnovabili ANIE/GIFI: il...

ANIE/GIFI: il fotovoltaico… perde energia!

Fotovoltaico

8mila posti di lavoro perduti e un fatturato che registra il segno meno davanti alla quota 50% esprimono la crisi. È fondamentale rimettere in moto il settore cominciando da un sistema di finanziamento agevolato


•• Nel libro – nuovo – della «biografia» del fotovoltaico il 2013 sarà ricordato come un capitolo nero. A tirare le somme un’indagine condotta fra le aziende associate presentata da ANIE/GIFI nel corso di un incontro con il Consorzio delle Banche Popolari italiane. I dati non lasciano margini all’incertezza: una perdita del 50% dei posti di lavoro e quasi del 50% del fatturato delle aziende nel 2013 rispetto al 2011.

Altro dato su cui riflettere: nei primi nove mesi del 2013 nell’industria fotovoltaica italiana le ore medie di ricorso alla Cig sono più che raddoppiate rispetto al 2012, portando a quasi 4.000 il numero di dipendenti in cassa integrazione nel 2013.

“La sopravvivenza del settore è a rischio – dichiara Emilio Cremona, Presidente di ANIE/GIFI, la voce fotovoltaica di Confindustria – Sono oltre 8mila i lavoratori del fotovoltaico che dal 2011 hanno perso il lavoro. La visione negativa che è stata proposta negli ultimi mesi dai vari stakeholders, aziendali e istituzionali, non rende assolutamente merito ad un settore che ha investito fortemente in ricerca e sviluppo consentendo la riduzione di quasi l’80% dei costi della tecnologia per gli utenti finali.

La detrazione fiscale, strategia di incentivazione

Scontato sottolineare come la riduzione delle commesse per le aziende, degli investimenti da parte degli utenti finali e l’aumento della cassa integrazione rappresentino un danno importante anche per le casse dello Stato e quindi per tutto il Sistema Paese. A fronte di investimenti per oltre 40 miliardi di euro registrati tra il 2010 e il 2012, le imposte generate hanno superato i 6 miliardi di euro. A questo va aggiunto un ulteriore onere di quasi 45 milioni nel 2013 per sostenere la cassa integrazione.

“Duole constatare – continua Cremona – che in Italia, dove il rilancio dell’economia dovrebbe essere al primo punto dell’agenda politica, non ci sia ancora un progetto industriale che valorizzi il miglior investimento del Sistema Paese fatto negli ultimi anni: quello in energie rinnovabili. Progetto che dovrebbe nascere da una seria concertazione fra le varie parti: industria, Governo e sindacati. Il settore del fotovoltaico non ha bisogno di ulteriori incentivi ma di un sistema di detrazioni fiscali esteso alle aziende che favorisca l’autoproduzione di energia da fonte rinnovabile e permetta la diffusione dei sistemi di accumulo e delle tecnologie per le smart grid. In questo modo l’incremento della generazione distribuita avvenuta grazie agli incentivi potrebbe essere valorizzata in modo da ridurre la bolletta elettrica delle PMI.”

“Durante l’incontro con il mondo bancario – conclude Cremona – abbiamo evidenziato che con l’istituzione di un sistema di finanziamento agevolato, anche abbinato allo smaltimento dell’amianto, il ritorno economico di un investimento nel fotovoltaico sarebbe sicuramente vantaggioso e si eviterebbero oneri passivi per la comunità”.

Roberta Di Giuli