Home Energia Nissan e il t...

Nissan e il tetto solare da record

Alimenta 900 abitazioni e permette di risparmiare 1,17 milioni di chilogrammi di emissioni di CO2 l’anno il più grande tetto solare condiviso messo in funzione nei Paesi Bassi presso lo stabilimento Nissan Motor Parts Center (NMPC) di Amsterdam

Con i suoi 9.000 pannelli fotovoltaici rappresenta il più grande tetto solare condiviso dei Paesi Bassi. Si tratta di una struttura ospitata presso lo stabilimento Nissan Motor Parts Center (NMPC) di Amsterdam capace di produrre circa il 70% dell’energia annuale di NMPC e una quantità di elettricità rinnovabile annua in grado di alimentare 900 abitazioni. Un gigante la cui attività avrà anche la virtuosa ricaduta di ridurre le emissioni di CO2, prodotte dallo stabilimento, di circa 1,17 milioni di chilogrammi l’anno. L’energia generata da alcuni dei pannelli solari sarà inoltre integrata direttamente nella rete nazionale del Paese.

Nissan, con l’installazione del tetto solare, conferma il suo impegno a rendere le proprie attività più sostenibili in tutta Europa.

Francisco Carranza, Managing Director, Nissan Energy, ha dichiarato: “Nissan è impegnata nella riduzione dell’impatto ambientale dei propri stabilimenti in Europa e abbiamo il piacere di confermare l’avvio del funzionamento del tetto solare presso il centro ricambi di Amsterdam. Investire e integrare nuove soluzioni energetiche è parte fondamentale della strategia globale Nissan Intelligent Mobility. Questo progetto dimostra il nostro impegno nel trasformare non solo il modo di guidare ma anche il modo di vivere”.

Il progetto, che deriva dalla prima importante collaborazione fra i residenti e Nissan, è finanziato in parte attraverso un programma di crowdfunding nazionale.

Koen Maes, Managing Director, Nissan Benelux: “Amsterdam è una delle città più lungimiranti in Europa e siamo entusiasti all’idea di aiutarla a realizzare un uso più intelligente ed efficiente dello spazio, dell’energia e delle risorse, rendendo contemporaneamente più sostenibili le nostre attività”.

NMPC non trascura di mettere a punto nuovi progetti atti a ridurre ulteriormente l’impatto ambientale dello stabilimento.

[ Roberta Di Giuli ]

 

 

 

 

 

 

 

[ Alessandro Ferri ]