Home Ambiente DALLA FRANCIA...

DALLA FRANCIA LA PRIMA GUIDA SUL TURISMO SOSTENIBILE IN ITALIA

Riviera del Conero

Investe sull’Italia la Casa editrice francese Viatao che, da dieci anni, pubblica guide turistiche originali, ritagliandosi un posto da leader nel mercato dei viaggi sostenibili. 170 indirizzi testati e selezionati dall’autrice italiana Ilaria Tonti raccontano il Nord e il Centro Italia da una prospettiva nuova, evidenziando l’impegno ambientale e sociale delle strutture

Dopo la Tailandia, l’India, la Lapponia, la Catalogna, la Provenza e svariate altre destinazioni vicine e lontane, arriva anche l’Italia nella collezione delle guide francesi TAO, pubblicate dalla Casa editrice indipendente Viatao, che ha il merito di essere una delle poche in Europa, e l’unica in Francia, specializzata nel turismo sostenibile.

Guida francese al turismo sostenibile in ItaliaLa presentazione ufficiale della Guida TAO «Italie du Nord et Toscane» è avvenuta a Parigi il mese passato in presenza dell’autrice Ilaria Tonti, la quale è riuscita a dimostrarci, e a convincerci, che un altro modo di fare turismo è possibile: dalla mobilità, agli alloggi, alla ristorazione, alle attività culturali o sportive, il nostro Paese è ricco di opportunità e sempre più attento ai bisogni degli ecoturisti.

Certo, vi sono regioni o comprensori più virtuosi di altri ed è proprio a questi che la guida vuole dare risalto, lodando l’impegno degli operatori coinvolti e soprattutto rendendone visibili e fruibili le attività.

La composizione geografica della guida

La guida si compone di cinque macro aree geografiche, che comprendono a loro volta una serie di sottoregioni. “La questione del découpage si è rivelata estremamente complessa”, ci spiega l’autrice, “in quanto si è voluto offrire una panoramica il più possibile completa del territorio (mare, montagna, città, campagna), senza mai dimenticare il filo conduttore della guida: una forte valenza ecosostenibile”. I parchi regionali e nazionali e le aree marine protette hanno costituito un ottimo filtro e non a caso si parla delle Cinque Terre, della Maremma, piuttosto che della Riviera del Conero o delle Alpi Apuane.

Vigneto nella Laguna di Venezia. Photo: M. Mionetto

Per quanto riguarda l’arco alpino, la scelta è stata più ardua in quanto le aree più incontaminate si riducono spesso a una vallata e l’autrice si è avvalsa della competenza di organismi come Legambiente o Mountain Wilderness che ne hanno orientato la scelta secondo criteri ambientali sicuri. Insomma, un découpage non banale, anch’esso pienamente rispondente allo spirito delle guide TAO.

Ma che cosa s’intende per turismo sostenibile?

“Fondamentalmente un altro modo di viaggiare”, ci spiega Ilaria Tonti, “rispettoso delle risorse ambientali e culturali del nostro territorio, sensibile ai temi dell’ecologia e a stretto contatto con le comunità locali”.

Qualche esempio: la visita di un «ciàn», il famoso terrazzamento delle Cinque Terre, insieme a un viticoltore che illustra perché è così difficile coltivare la vigna o l’ulivo (parcellizzazione dei terreni, forte pendenza, costruzione di muretti a secco…) e spiega vantaggi e svantaggi di una coltivazione a pergola o a filare.

Un tour in bragozzo nella laguna di Venezia con una timoniera appassionata, amante di storia e cultura, nonché grande conoscitrice della flora e della fauna della laguna. Un’occasione unica per capire e apprezzare un ambiente fragile e meraviglioso al tempo stesso.

Una bruschetta in amicizia in un agriturismo che produce olio DOP in Umbria, dove i proprietari vi accolgono come se foste uno di casa e vi fanno capire il valore di una piccola produzione artigianale di qualità (recupero di un oliveto storico, raccolta manuale, scelta di non utilizzare alcuna sostanza chimica…).

Bruschetta presso agriturismo San Potente in Umbria. Photo: Pier Paolo Metelli

Dopo questo breve assaggio, non ci rimane che augurare una buona estate italiana ai nostri cugini francesi, aspettando il secondo volume sul «Sud Italia e le isole», previsto per il prossimo anno.

[Redazione PROTECTAweb]
[26 Giu 2015]